Così garantiamo il futuro produttivo delle nostre vitelle

Lucia Cavazzuti ha scelto di investire sul benessere e sulla crescita accelerata delle sue “cocche”

Gestione mandria

Così garantiamo il futuro produttivo delle nostre vitelle

Chi investe energie e risorse in genetica, è chiamato a sfruttare lo straordinario potenziale genetico delle moderne Holstein fin dalle loro prime settimane di vita: ecco le scelte dei fratelli Cavazzuti di Carpi (Mo)

“Mio fratello Paolo è un grande appassionato di genetica, utilizziamo tantissimo seme sessato e siamo soliti prelevare gli embrioni prodotti dalle migliori manze per poi impiantarli sulle vacche di minor pregio. Sprecare tutti questi investimenti trascurando la vitellaia non avrebbe alcun senso”. Così ci accoglie Lucia Cavazzuti quando entriamo nelle stalle della Società agricola Cavazzuti Emilio e figli di Carpi (Mo). Una realtà zootecnica non grande, ma decisamente solida, performante e automatizzata, collocata nel cuore dell’areale produttivo del Parmigiano Reggiano. In cabina di regia un team di giovani, ovvero la stessa Lucia, affiancata dai fratelli Paolo e Luca.

vitelli, Lupetta, biberon elettronico, Sapla, Physio Milk

 

E mentre sfiliamo davanti agli igloo della vitellaia, cerchiamo di capire in che modo vengono fatti crescere i giovani animali per fare in modo che la loro futura carriera produttiva sia all’altezza delle ottime premesse genetiche. E la prima sorpresa riguarda proprio le scelte in materia di alimentazione offerta a partire dal terzo giorno di vita, subito dopo il colostro e il cosiddetto “secondo latte”.